Archivi

Tutti gli articoli per il mese di novembre 2012

Autunno-Inverno 2012/2013: I CAPPELLI

Pubblicato 30 novembre 2012 da libera11

image

Da che mondo é mondo i cappelli non vengono utilizzati esclusivamente per proteggere la testa dal sole o dal freddo, ma anche come accessorio che dona a chi lo indossa signorilità e carattere. Non a caso un tempo, come mi raccontava spesso mio nonno, il tipo di cappello indicava lo status della persona che lo indossava.

Ben lungi da discorsi relativi ai ceti sociali sono le sfilate autunno/inverno 2012-2013 che hanno indicato come MUST i cappelli in feltro a falda larga, over size e all’ominile, ovvero quei modelli creati per gli uomini, ma che anche le donne indossano con estrema eleganza.

Da sempre, i cappelli in feltro, che non è un tessuto, ma il risultato dell’infeltrimento delle fibre di lana cardata di pecora piuttosto che di pelliccia di coniglio, lepre, castoro, lontra, cammello, che possono mantenere il proprio colore originale o essere tinte, non sono stati tra i più semplici da indossare in quanto per farlo è necessario un tocco di eccentricità… ed è proprio questa la tendenza, che ha trovato espressione sulle passerelle.

Fonte d’ispirazione di molte maisons è stato il famoso ed intramontabile copricapo della Borsalino, ormai divenuto icona di stile. La famosa azienda italiana, nata nel 1857, ha infatti proposto anche per questo inverno i propri cappelli prodotti con il caldo ed impermiabile feltro e completati con un nastro di gros-grain con un nodo o fiocco alla sinistra. Vari sono i colori e le fantasie presentati, come l’azzurro, il rosso, i classici marrone e nero e anche il maculato.

Gli stilisti non hanno, quindi, potuto fare a meno di questo accessorio che rende le donne più intriganti e misteriose: Giorgio Armani ha fatto sfilare un Borsalino abbinato ad un completo di giacca e pantaloni stile garçon; Luisa Spagnoli lo ha abbinato a gonna col piegone sul davanti e stivali; Raffaella Curiel ne ha creato uno di un caldo colore rosso, mentre Gucci ha scelto pelliccia di coniglio nero e cinturino di stoffa con medaglietta dorata. Sui generis sono i cappelli extra large di Missoni ricoperti di pelliccia per contrastare il freddo invernale o quelli ricoperti di piume di John Galliano che sono delle vere e proprie opere d’arte e dulcis in fundo i cappelli over size con piume della maison Vuitton, che hanno stupito e affascinato gli spettatori della settimana della moda di Parigi.

Pertanto che siano tinta unita o fantasia, di qual si voglia forma o colore, il cappello è glamour e ce n’è per tutte le teste!!!!  😉

•••

Since the world is the world hats are not only used to protect the head from the sun or the cold, but also as an accessory that gives the wearer with elegance and character. Not a random time, as I often told my grandfather, the type of hat indicating the status of the person who wore it.

Far from discourses related to social classes are the autumn / winter 2012-2013 that MUST referred to as the felt wide-brimmed hats, oversized and all’ominile, ie those models created for men, but also women wear with extreme elegance.

As always, felt hats, which is not a fabric, but the result felting of the fibers of carded wool from sheep rather than fur of rabbit, hare, beaver, otter, camel, who can keep their original color or be dyed, were not among the easiest to wear because to do so requires a touch of eccentricity … and this is the trend, which has found expression on the runway.

An inspiration to many maisons was the famous and timeless headdress Borsalino, which has become a style icon. The famous Italian company, founded in 1857, has also proposed for this winter their hats products with the warm and waterproof felt and finished with a grosgrain ribbon with a knot or bow to the left. There are various colors and patterns presented, such as blue, red, classic black and brown and even spotted.

Designers have therefore been able to do without this accessory that makes women more intriguing and mysterious: Giorgio Armani has paraded a Borsalino combined with a full jacket and pants style garçon; Luisa Spagnoli has combined a skirt with pleat on the front and boots; Raffaella Curiel has created one of a warm red color, while Gucci has chosen rabbit fur black cloth strap with gold medal. Are sui generis hats Extra Large Missoni covered with fur to combat the winter cold or coated with feathers John Galliano which are real works of art, and last but not least the oversized hats with feathers Vuitton maison, which amazed and fascinated viewers of the fashion week in Paris.

Therefore they are plain or patterned, of any desired shape or color, the hat is glamor and there is something for every head!! 😉

Animalier night and day

Pubblicato 24 novembre 2012 da libera11

image

Ciao a tutte,

ho scelto per voi alcuni dei miei abbinamenti preferiti degli accessori Animalier.
Come potete notare il segreto dell’armonia é:
-abbinare il maculato con capi tinta unita, chiara o scura che sia;
– trovare la texture e soprattutto la gradazione di colore giusta…

 

•••

Hello all,

I have selected for you some of my favorite combinations of accessories Animalier.
As you can see the secret of harmony is:
-match garments spotted with plain, light or dark it is;
– Find the texture and especially the right shade of color …

image

image

image

I like Animalier style!!!!! 😉

 

 

 

My Animalier Style!!!

Pubblicato 23 novembre 2012 da libera11

image

Animalier style tonight…
indosso queste scarpe e questi accessori con pantaloni e maglioncino nero… 😉
Ma vi dico di più… spesso mi piace utilizzare la sciarpina come cinta legandola con un nodo o con un fiocco affinché la giusta alternanza di fantasia e tinta unita crei armonia e movimento.

•••

I wear these shoes and accessories with pants and black sweater … 😉

But I tell you more … I often like to use the scarf as a belt tying it with a knot or a bow to the right alternation of plain and fancy create harmony and movement.

Quadri chic!

Pubblicato 19 novembre 2012 da libera11

image

Anche oggi a quadri ma con un capo trés chic di Luisa Spagnoli, di qualche anno fa ma sempre attuale!!!!

Abbino questa giacca con un pantalone color vinaccio, scarpe e borsa testa di moro… la adoro!!!

•••

Even today, in pictures, but with a head trés chic Luisa Spagnoli, a few years ago but always present!!

I match this jacket with a burgundy-colored pants, shoes and bag dark brown … I love it!

Autunno-Inverno 2012/2013: ANIMALIER

Pubblicato 9 novembre 2012 da libera11

Scarpe Alberto Guardiani

Con il termine “Animalier” venivano identificati gli artisti che nel XIX secolo erano specializzati nel dipingere o scolpire, in modo alquanto realistico, gli animali. Oggi, invece, il termine Animalier racchiude il così detto maculato, ovvero leopardato, zebrato, tigrato, pitonato e via dicendo ma anche forme di raffigurazione animale.

Bag Louis Vuitton

Devo ammettere che, fino a qualche anno fa, non amavo particolarmente questa fantasia, tuttavia col tempo ho capito che la sottile e labile linea di confine tra chic e chick non dipende da cosa si indossa, ma in che modo si indossa ed associato a cosa… e, come dire, mi sono convertita anche io!

Ho, quindi, cominciato ad apprezzare gli accessori maculati: scarpe, cinte, borse, guanti e foulard che abbinati con i capi più sobri creano uno stacco e  danno un tocco femminile, seducente ed intrigante. E a mio avviso è proprio a questo tocco che non possono rinunciare gli stilisti che, periodicamente, irrompono sulle passerelle con queste fantasie esotiche.

Guanti Valentino

Dalle più prestigiose maisons alle più grandi catene di negozi low cost, per questo autunno/inverno, tutti propongono la fragranza etno-chic dell’animalier pura, colorata o mescolata ad altri materiali.

Da Valentino a Louis Vuitton e Dolce e Gabbana, da Zara ad H&M e Berska passando per Ferragamo, YSL, Max Mara, Roberto Cavalli, Moschino e Vivienne Westwood tutti gli stilisti cercano di richiamare mondi selvaggi e lontani attraverso questa intramontabile texture, perfetta sia per il giorno che per la sera.

Pashmina Mcqueen

L’Animalier, infatti, può essere declinato nella versione elegante da femme fatal, ma anche in quella casual, in base alla scelta degli abbinamenti. Tuttavia, non trattandosi di un elemento particolarmente sobrio è sempre bene non eccedere, a scanso di risultare volgari.
Quindi il mio consiglio è: NO al total look animalier, ma un SI’ deciso ad osare, a piccoli passi, con questa fantasia… pensate per esempio all’accostamento al denim… 
•••

With the term “Animalier” were identified artists that in the nineteenth century were specialized in painting or sculpting, somewhat realistic animals. Today, however, the term Animalier contains the so-called spotted or leopard, zebra, tiger, python and so on but also forms of animal representation.

I must admit that until a few years ago, I especially loved this fantasy, but over time I understood that thin and tenuous line between chic and chick does not depend on what you wear, but how you wear it and associated with it … and, you know, I converted too!

I, therefore, began to appreciate the spotted accessories: shoes, belts, bags, gloves and scarves that can be combined with the more sober leaders create a break and give a feminine, seductive and intriguing. And in my opinion is just that touch that can not give the designers who periodically break into the runway with these exotic fantasies.

The most prestigious fashion houses to larger chain stores low cost for this fall / winter, all offering the fragrance ethno-chic dell’animalier pure, colored or mixed with other materials.

Valentino, Louis Vuitton and Dolce & Gabbana, from Zara to H & M and Berska via Ferragamo, YSL, Max Mara, Roberto Cavalli, Moschino and Vivienne Westwood all designers try to draw worlds wild and far through this timeless texture, perfect for the day and the evening.

The Animalier, in fact, can be translated into elegant version femme fatal, but also in the casual, depending on the choice of matching. However, not being a particularly simple is always good not to exceed, for the avoidance of being vulgar.
So my advice is: NO to total animal print look, but YES ‘decided to dare, in small steps, with this fantasy … think, for example juxtaposition to the denim …

Gonna Zara

Piumino H&M

Bag D&G

Tronchetto Zara

Le immagini presenti sul blog appartengono ai rispettivi proprietari e verranno rimosse in seguito a specifica richiesta.